Le riviste specializzate hanno segnalato alcuni artisti che a fine 2015 si sono esibiti sui palchi europei.

Concerti di fine 2015

Chelsea Wolfe – Londra, Bush Hall, 30.11.2015

Nella tappa londinese del suo tour, Chelsea propone l’ultimo lavoro Abyss, poche le canzoni dai precedenti album. Atmosfere gotiche, sonorità pesanti, voce chiara e precisa. Il pubblico accoglie come una pop star la timida cantante, che spesso si nasconde dietro ai capelli.

Live Show I concerti di fine 2015 in Italia e in Europa

Kaki king – Livorno, The Cage Theatre, 28.11.2015

Kaki king è una famosa chitarrista che col nuovo show si è spinta oltre i confini musicali. Il live si basa sul project mapping, una tecnica sperimentale di videoproiezione che consente di trasformare la superficie di un oggetto in uno schermo sul quale trasporre le proiezioni, che vengono realizzate partendo dalle caratteristiche della superficie stessa. L’oggetto scelto dalla musicista non poteva che essere la chitarra suonata dall’artista, che si presenta sul palco vestita completamente di bianco per non interferire con la proiezione. La multimedialità non toglie nulla alla musica: la tecnica e le emozioni sono ad alti livelli e si trascinano a vicenda.

Disappears – Firenze, Glue, 08.12.2015

Concerto tirato quello della band di Chicago, che propone al pubblico brani di tutto il repertorio. Atmosfere vintege e sonorità attuali si fondono per un pubblico entusiasta.

 

Kraftwerk 3D – Firenze, Opera di Firenze, 16.11.2015

I Kraftwerk non son pre e non sono post, non sono vintage e non sono moderni, sono comunque contemporanei. Di loro è stato già detto tutto. Ora col nuovo tour 3D aggiungono la componente visiva al suono. Lo spettatore viene coinvolto perché è li presente e viene catapultato nella rappresentazione dello schermo posto alle spalle della band, che diventa una estensione del suono a 8 bit.

Calibro 35 – Torino, Hiroshima Mon Amour, 19.11.2015

La band sale sul palco ed esibisce sia la bravura tecnica che la capacità di coinvolgere il pubblico. L’ultimo album S.P.A.C.E. è suonato magistralmente. Le loro canzoni sono vere e proprie riedizioni delle colonne sonore degli anni ’70 e pare strano che al concerto l’età media sia molto bassa. La retromania è un fenomeno che colpisce tutti ….. Soprattutto se a cosi alti livelli.

Esibizioni Live. I concerti di fine 2015 in Italia e in Europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield