Rock and Love: Angus Andrew & Karen O

È iniziata normalmente: Karen e Angus muovono i primi passi sulla scena musicale newyorkese e si conoscono sui palchi minori della grande mela.

Angus dei Liars e Karen O degli Yeah Yeah Yeahs

Iniziano a sostenersi l’un l’altro, iniziano a condividere la vita. Angus è il cantante dei Liars e Karen O la cantante degli Yeah Yeah Yeahs. A Karen piace condividere il lavoro con Angus. Appartenere alla stessa scena musicale può aiutare: le due band partono insieme per il tour americano nel 2002, per il Giappone e l’Australia l’anno dopo. Karen O viene travolta dal potere dell’immagine e la stampa nota Karen: oltre alle doti vocali di Karen interessa il suo look. Taglio di capelli particolare, rossetto rigorosamente rosso, outfit ricercati. Appartenere alla stessa scena musicale può dividere: Karen diventa una icona della nuova scena musicale e supera in notorietà il fidanzato.

La vita di Karen O è in continuo fermento, iniziano nuove collaborazioni.

Maps

Il regista Patrick Daughters, amico e collaboratore, gira un video degli Yeah Yeah Yeahs: Maps. Il giovane californiano riesce ad immortalare le lacrime di Karen O: non patetiche ma sincere che aggiungono al personaggio Karen O le emozioni, così come le proviamo noi, comuni mortali. Nella performance esprime il dolore che prova per il sopravvento che stanno prendendo le rispettive carriere sulla loro vita, e lo canta al suo compagno. Il titolo della canzone è l’acronimo di My Angus Please Stay, e il brano è dedicato al suo compagno che sembra non riuscire ad arrivare sul set del video. Ma in extremis ce la fa, in fondo il brano è dedicato a lui, le lacrime anche.

Maps degli Yeah Yeah Yeahs: My Angus Please Stay.

Clip di Maps

L’ascesa di Karen O

Karen O è sempre più proiettata verso l’apice della propria carriera e verso esperienze di regia. Nel 2006 i due si lasciano e Spike Jonze (si proprio quello di Sofia Coppola) sostituisce Angus nel cuore della cantante di origine coreana. Nel terzo lungometraggio di Jonze, Where the wild things are, Karen prende parte alla colonna sonora. Ma lei ha già girato pagina: inizia a collaborare col regista Barney Clay e alla fine del 2011 i due si sposano. Il lavoro chiama: c’è un nuovo album della band di Karen, un nuovo clip da girare e la colonna sonora da terminare.

Tratto dal libro “Rock in love” di Laura Gramuglia edito da Arcana Editore.

Please follow and like us:
error0

2 Comments on Rock and love

  1. Come ho già detto negli altri tuoi post non conosco questi gruppi che ci presenti, ma devo dire che dai molti spunti e fai conoscere tanta altra bella musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield