image

Club27

Avete mai sentito parlare del Club27? Negli anni di passaggio tra la fine dei ’60 e l’inizio dei ’70 il mondo è scosso da forti cambiamenti epocali. La Summer of Love ha portato alla luce una forte energia di cambiamento che proviene dai giovani. La musica è uno dei vettori sui quali il cambiamento è propagato all’interno della società. Quattro musicisti di spicco, simboli di questo cambiamento, muoiono all’età di 27 anni. Brian Jones, polistumentista e fondatore dei Rolling Stone il 3.7.69, Jimi Hendrix il18.9.70, Janis Joplin meno di un mese dopo, il 4.10.70. Il 3.7.71 tocccherà a Jim Morrison. Tutte e quattro le morti sono avvolte da misteri e stranezze. Si inizia a parlare del Club27. Il Club che comprende un sacco di musicisti morti all’età di 27 anni.

La linea sottile

È vero che la linea tra divertimento innocuo e dipendenza pericolosa è molto sottile. Ma molti cominciano a parlare di quella che si dimostrerà essessere una bizzarria statistica, una casualità, forse un trucco. Queste storie di vite spezzate nel momento di massima creatività incuriosiscono, tanto da ricercare legami quasi diabolici con l’incontro col proprio destino. Questi artisti, simbolo di uno stile di vita libero e ribelle e al contempo al limite, hanno un alto prezzo da pagare.

image

Chi è stato il primo

Indagando tra le morti degli artisti avvenute a 27 anni, viene scoperto che il primo a farne parte potrebbe essere addirittura il chitarrista blues Robert Johnson, nato nel 1911 e morto nel 1938. La leggenda scomoda il diavolo in persona: proprio lui avrebbe donato a Johnson il dono di suonare la chitarra come nessun altro, in cambio della vita. Anche se si pensa sia stato avvelenato da un marito geloso, la sua leggenda continua attraverso i versi che cantava: “seppellite il mio corpo sul ciglio di una strada, così la mia anima dannata potrà salire su un autobus e continuare a viaggiare”.

image

Chissà se poi sull’autobus ci è salito veramente. Sembra di sì perché l’autobus ha continuato a viaggiare tra le leggende e fino ai giorni nostri.

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield