Apro l’appuntamento di aprile con il nostro viaggio alla riscoperta delle nostre radici, mettendo in evidenza come la “retromania” sia andata ben oltre l’essere una semplice moda: ormai è diventata un vero e proprio traino dei consumi, specie in ambito discografico.

La riscoperta delle nostre radici

La ricerca annuale dell’istituto di statistica Nielsen ha evidenziato che nel 2015 le vendite di titoli con oltre 18 mesi hanno superato, per la prima volta nella storia, quelle delle novità. Tolti gli album di Adele e Taylor Swift, quelli più venduti risultano essere The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd, Abbey Road dei Beatles e Kind of Blue di Miles Davis.  Non ho potuto che gioire quando ho letto che la Technics, in contro tendenza, ha rimesso in produzione il classico “giradischi” SL-1200. L’azienda britannica Sound Leisure ha annunciato l’imminente uscita di un nuovo modello di jukebox: il primo prodotto da 20 anni a questa parte. Insomma pare che in questa era caratterizzata dalla cancellazione di ogni confine, stiamo guardando indietro, chi più chi meno. Per cercare qualche punto di riferimento che ci consenta di essere sempre più innovativi e unici.

Rievocazioni

Sul fronte delle rievocazioni, il 10 aprile verrà inaugurata al Queens Museum di New York la mostra Hey! Ho! Let’s Go, una retrospettiva dedicata ai Ramones. Fino al 31 luglio si potranno ammirare 350 pezzi d’epoca. Dal 16 settembre il Grammy Museum di Los Angeles ospiterà una versione ampliata della mostra.

I Ramones e la mostra Hey! Ho! Let's go! per una loro rievocazione.

In uscita tanti documentari dedicati ad i grandi performer del ‘900: lo scorso 25 gennaio è stato presentato in anteprima Eat That Question, il documentario su Frank Zappa mentre è imminente l’uscita del lungometraggio di Jim Jarmusch sugli Stooges di Iggy Pop. In estate cominceranno le riprese di Mapplethorpe il film sul celebre fotografo.

Ho letteralmente esultato leggendo che la Polydor ha dato alle stampe Classic Album Selection – volume uno – contenente i primi cinque album in studio più il live Nocturne di Siouxsie & The Banshees. Le confezioni in tiratura limitata sono scarne, prive di libretto e senza bonus track, ma possono diventare una buona occasione per avvicinarsi a una delle band più iconiche e rappresentative del genere punk e new wave. Che dire …. Spellbound! come il loro video.

Icons feed the fire, Icons falling from the spires.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield