Laurie Anderson

Il suo ultimo film Heart of a Dog

Ieri mi è arrivato il DVD di Heart of a Dog, l’ultimo film di Laurie Anderson. Non ho resistito e l’ho guardato subito. Il film documentario prende spunto dalle riflessioni sorte in occasione dalla morte dell’amato Rat Terrier, Lolabelle, per esplorare più a fondo l’animo umano.

La cover del DVD di Laurie Anderson
La cover del DVD di Laurie Anderson

Potete vedere il qui il trailer del film per capire di cosa si tratta.

Il film racconta le riflessioni dell’artista sulla vita e sulla morte, sul collegamento tra morte e amore.

Gli elementi privati sfociano in quelli sociali. I ricordi dell’infanzia di Laurie si collegano a quanto accade nel mondo. Le immagini oniriche si intrecciano col racconto. Lo spettatore segue la narrazione attraverso lenti diverse: gli occhi di Lolabelle, gli occhi di Laurie, le telecamere di sorveglianza, le varie cineprese utilizzate, anche non convenzionali per il cinema (iPhone, Go-pro, droni).

Immagini di Lolabelle
Immagini di Lolabelle

La Anderson si era cimentata in veste di regista nel lontano 1986 con Home of the Brave. Afferma di non essere una regista, lei aspetta solo il momento di avere un racconto da filmare. Spesso utilizza le riprese nei propri show multimediali, che definisce “concert film”. Nel caso di Heart of a Dog il racconto è al centro dell’esperienza visiva, il film nasce da tante piccole storie che Laurie ha raccontato nelle sue performances nel corso degli anni.

Il film si conclude con la bellissima Turning Time Around, cantata dal marito Lou Reed..

Il film è stato presentato nel 2015 alla 72^ Mostra Internazionale di Venezia, nella sezione principale e distribuita nelle sale dal 21 ottobre 2015. Nello stesso anno ha ricevuto diverse nomination in prestigiosi festival internazionali, ricevendo un ottimo riscontro della critica. In Italia è stato proiettato nelle sale il 13 e 14 settembre 2016.

 

Laurie Anderson

Biografia

Laurie Anderson nasce a Chicago il 5 giugno 1947. Ha iniziato a suonare il violino giovanissima e questo strumento caratterizzerà spesso le sue esibizioni e la sua creatività. E’ una delle principali animatrici della scena di avanguardia. I suoi lavori sono caratterizzati dalla multimedialità includendo anche teatro, installazioni e spoken poetry. La sua figura artistica a tutto tondo la rende unica ed è sempre riuscita a coniugare la sperimentazione sull’elettronica con un linguaggio accessibile al grande pubblico. I due filoni artistici che  troviamo nella carriera di Laurie sono da un lato la performance art e dall’altro l’avanguardia elettronica. Questi due aspetti sono inscindibili e vivono uno in virtù dell’altro.

Diviene popolare con il singolo Oh Superman nel 1981, i cui suoni minimalisti raggiungono il secondo posto nelle classifiche britanniche. Incide almeno tredici album tra cui Big Science del 1982, Mister Heartbreaker del 1984. Home of the Brave esce due anni dopo ed è la colonna sonora dell’omonimo film della Anderson. L’ultimo album pubblicato ad oggi è del 2010: Homeland.

Laurie Anderson durante una sua performance
Laurie Anderson durante una sua performance

Ha collaborato con lo scrittore William S. Burroghs, con il regista Wim Wenders, coi musicisti Brian Eno, Peter Gabriel, Philip Glass, Jean Michel Jarre, Lou Reed, Dave Stewart.

Nel 1993 lei e Lou Reed si incontrano al Festival delle Arti e della Musica di Monaco. Tra i due artisti inizia la love story durata fino alla morte di Reed avvenuta nel 2013. La pellicola Heart of the Dog è dedicata al marito, al quale ha scritto una toccante lettera pubblica in occasione della morte.

Lou Reed Laurie Anderson e Lolabelle
Foto di famiglia nel 2001 a New York con Lolabelle

 

Please follow and like us:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield